A LONDRA PER COSTRUIRE UN FUTURO: LA COSMOPOLITA ELSA USAI DA BARI SARDO, CITTADINA DEL MONDO

Senza categoria

Mia Immagine

Copenaghen house

ph: Elsa Usai

Mia Immagine

Copenaghen house

di Lisa Ferreli

Amante dei viaggi, cosmopolita affascinata dalla diversità, Elsa Usai, 19enne di Bari Sardo, a Londra sta costruendo il suo futuro, seguendo un corso per raggiungere un alto livello di lingua inglese, dopo aver conseguito la maturità classica al liceo di Tortolì.

“Una volta conclusosi il percorso alle scuole superiori, ero più confusa che mai – racconta Elsa – ero consapevole di ciò che volevo, ma non mi sentivo pronta ad ottenerlo. La mia idea era (ed è) quella di studiare Relazioni Internazionali a Milano, alla Bocconi. Ma al momento dell’iscrizione non mi sono sentita pronta ad affrontare un corso in lingua inglese. Così ho deciso, prima di buttarmi nell’avventura universitaria, di trasferirmi in Inghilterra e di perfezionare la conoscenza della lingua. Amo viaggiare e conoscere persone nuove, e data la mia intenzione di proseguire gli studi in lingua inglese, la scelta è caduta su Londra. Sono certa che il tempo trascorso qui darà i suoi frutti, non solo in termini accademici ma anche di crescita personale”.

Trasferendosi lo scorso settembre nella capitale del Regno Unito, Elsa sente di aver trovato la strada giusta da percorrere per raggiungere i suoi obiettivi, iscrivendosi alla EF Language Centre, scuola di lingua inglese che terminerà a marzo e le aprirà le porte del progetto universitario milanese.

 “Ho scelto il corso di Relazioni Internazionali perché, come anche questa esperienza mi ha confermato, la diversità e il multiculturalismo mi sono sempre stati a cuore. Tutelarli e approfondirli all’interno dell’ambito politico per me è certamente la scelta ideale. Posso sicuramente dire che finora la mia esperienza qui  sia stata la più bella vissuta finora – racconta  Elsa – Londra è una città che può offrire davvero tanto, e può  offrirlo al meglio.”

Il legame con la sua terra d’origine è sempre forte e spesso nostalgico.  “Amo casa mia, ma l’Ogliastra non può offrirmi quello che cerco, e ad un certo punto si ha bisogno di guardare avanti. Trovarsi praticamente da sola in una metropoli del genere all’inizio non è stato facile, ma presto ho conosciuto delle persone bellissime a cui mi sono legata tanto. Londra mi ha certamente fatta crescere” afferma la giovane ogliastrina “Come mi vedo tra 10 anni?  La vita è imprevedibile, ma io ho i miei sogni e le mie aspirazioni. Spero di imparare tanto, realizzarmi ed essere felice. Questa città poi mi ha rubato il cuore, al classico quesito “ci torneresti un giorno?” risponderei assolutamente di sì!”.

testo