MERCATO DI RIPARAZIONE 2015, DIAMO UN VOTO ALLA SOCIETA’

Senza categoria

Mia Immagine

 

 

Mia Immagine

BRKIC GONZALEZ COP HUSBAUER - Fonte Sardegnasport.com

MERCATO DI RIPARAZIONE 2015, IL VOTO “QDS” ALLA SOCIETA’

 

Il 2014 calcistico si è concluso con l’amara (ennesima) sconfitta casalinga del Casteddu contro la Juventus (partita che verrà ricordata alla storia per essere stata quella “dei sei difensori”). La società è corsa ai ripari esonerando il tecnico Zdenek Zeman e ingaggiando un ex rossoblù, Gianfranco Zola, un esordiente in Serie A. La tifoseria, all’epoca tutta pro-boemo, non ha ingoiato bene l’amara bocciatura del Presidente Tommaso Giulini del progetto tecnico tanto annunciato la scorsa estate: le voci sono state contrastanti, ma complessivamente pareva tirare aria “favorevole” all’idea di zemanlandia più di quanto Giulini non pensasse. L’incognita di Zola ed un mercato di riparazione su cui rifondare la squadra non lasciavano presagire nulla di buono per il futuro.
Infatti il 2015 è iniziato peggio di quanto non si fosse chiuso il 2014: a Palermo arrivano 5 scoppole (a cui risale il nostro ultimo, precedente articolo, in attesa di vedere come si sarebbe comportata la società data la situazione ormai gravissima) e nessun segnale incoraggiante, nemmeno Zeman era riuscito a fare peggio. Tuttavia, dalla partita della Favorita in avanti, sembra che tutto abbia cambiato ritmo, come se Zola fosse riuscito a dare la scossa (o forse la serenità) che mancava, in una situazione in cui il Cagliari era a dir poco con l’acqua “alla gola”.

 

Sul fronte degli ARRIVI, il 1° rinforzo è stato il portierone Zeliko Brkic, arrivato in prestito dall’Udinese (una certezza rispetto all’acerbo Cragno), che dall’alto dei suoi 197cm (per 95Kg) ha portato una dose così grande di sicurezza che ora al S. Elia nessuno ha più paura di nulla, nemmeno del buio. Non a caso, al suo esordio è arrivata anche la prima vittoria casalinga contro il Cesena.

 

La tanto sbandierata “prima punta” invece, dopo i sondaggi per Borriello, Osvaldo, Eto’o e la trattativa per Gilardino, non è mai arrivata, e questo è sicuramente il punto più dolente del mercato rossoblù di Gennaio. E’ arrivato invece Cop, un attaccante dalle caratteristiche ancora tutte da scoprire, a cui va tuttavia il merito di aver siglato al suo esordio al S. Elia contro il Sassuolo il gol del 2-1che ha portato a “due” il numero complessivo di vittorie casalinghe in campionato…. ma ancora deve confermare tutte le qualità.

 

Gli altri acquisti poi, sono tutti più o meno scommesse: Alejandro Gonzalez (che non ha entusiasmato nelle fila dell’Hellas) deve dimostrare, nonostante un esordio discreto con la maglia rossoblù, che gli scettici di Verona avevano torto nei suoi confronti. Il centrocampista offensivo Husbauer (classe 1990), proclamato addirittura da quest’estate come pedina “fondamentale” per il centrocampo di Zeman, oggi sembra fisicamente inadatto alla Serie A (almeno, stando alle parole di Mr Zola) perché troppo leggero (infatti sta facendo un lavoro specifico di potenziamento muscolare per metterlo in condizione di affrontare, al meglio, uno dei campionati più difficili della Serie A). Ultimo “arrivo”, ma non per importanza, è M’poku (cittadinanza belga, classe ’92, proveniente dallo Standard Liegi) di cui da varie parti si parla bene, ma il suo adattamento alla Serie A è tutto da vedere.

 

Sul fronte delle USCITE, ha destato molto scalpore la cessione di Victor Ibarbo alla Roma, in prestito oneroso per 6 mesi (circa 2,5 milioni di euro) e diritto di riscatto a favore della Roma fissato intorno ai 12.5 milioni di euro. Economicamente l’operazione è valida, un affare, ma privarsi di uno dei pochi elementi tecnici della squadra, a Gennaio in piena lotta per la retrocessione, è una mossa lungimirante per il Cagliari? Speriamo di non dover piangere sul latte versato, anche perché ormai il mercato è chiuso.. e le operazioni ancora possibili sono soltanto quelle con gli svincolati, che in quanto tali non forniscono certo garanzie o certezze assolute.
Quanto alle altre operazioni, non è stato formalizzato l’accordo della Samp per il terzino Nicola Murru che quindi resta in rossoblù almeno fino a fine stagione. A centrocampo Sebastian Eriksson è tornato al Goteborg ma nessuno se ne è accorto. In difesa, Benedetti va in prestito al Bari mentre invece è stato riscattato Marco Capuano, che quindi è ormai ufficialmente un rossoblù almeno fino al 2018.

 

VOTO FINALE: 5+

(sperando di doverci rimangiare il giudizio, trasformandolo in un 10 e lode!)

 

 


Mia Immagine