Plag’e Mesu: Ignoranza nei parcheggi della spiaggia, aggrediscono la giustizia

Senza categoria

Mia Immagine

Un pomeriggio come tutti all’insegna dell’arrettumine e dell’ignoranza, quello che si stava consumando a Spiaggia di Mezzo, meglio nota dai gaggi come Spiaggia.

Mia Immagine

Tutto stava andando per il verso giusto, gente bevendo al bar, palestrati mezzo accaghinati con gli slippini, pischelline in due pezzi facendosi foto da mettere su Facebook e come sempre la gente insuata e con la callentura al fiore da cogliere.

E’ bastato ben poco a ribaltare la situazione, infatti da lontano ne stava arrivando Fore Conca, un gaggio di origini rumene ma risiedente in Sardegna ormai da tanti anni, con la sua Panda scarburata fendi casinu e currendi a tottu coddu, forse per la troppa ignoranza come ne entra nei parcheggi ci zacca una tirata di freno a mano, e mai l’avesse fatto ne prende in pieno la macchina dei carabinieri e gliela abbungia, da lì il caos.

La giustizia proprio come ne stava entrando al bar è dovuta tornare indietro, come raccontano i testimoni, senza capire che cosa fosse successo.

Il giovane di origini rumene non ha esistato, forse per colpa di qualche litro in più bevuto a pranzo col babbo o forse per la troppa ignoranza, ad insultare la giustizia.

Felice Mastronzo, uno dei carabinieri protagonisti della vicenda ha uscito fuori il manganello e ha iniziato a difendersi dalla furia del giovane, e accadde il caos.

” Ne il mio manganello … ”

Le parole del giovane rumeno

Fore Conca si sbraghetta e ne esce fuori la pillona, uno dei carabinieri ne è fuggito dal posto de s’azzicchiru, unu fragh’e lissa non faceva a rimanerci.

E’ bastato poco a far scattare l’ignoranza totale al giovane rumeno che ha colpito sul volto il povero membro delle forze dell’ordine che è accasciato a terra dallo sfinimento.

La gente allibita non ha potuto fare altro che azzerriarne altri membri della giustizia che sono giunti tempestivamente sul posto, il pronto soccorso già presente sul luogo si è preso cura immediatamente dell’uomo ferito a colpi di conchino sul volto.

” Non è la prima volta che prende a colpi di pillona la gente, ce l’ha di vizio … ”

Le parole di un amico del giovane rumeno

La seconda pattuglia giunta a Spiaggia di Mezzo è riuscita fortunatamente a fermare il giovane agressore che non ne voleva vedere si rimettersi la pillona dentro le mutande.

Il giovane rumeno se l’è cavata solo con due giorni di carcere, mentre i carabienieri con alcune lesioni al volto.

Molti dei bagnanti sono tornati a casa a causa del forte odore di lissa emanato Fore Conca, mentre altri stavano fisso spruzzando profumo in spiaggia, si è sfiorato il delirio più totale ma per fortuna anche questa volta la giustizia ha avuto la meglio contro questi fuorilegge.


 

LM

Mia Immagine